giovedì, aprile 14

Torta al miglio caramellato

Ciao Ragassuoli! Come va? Siamo assenteisti ultimamente, lo ammetto.. ma non so se sono gli impegni che si moltiplicano, oppure la primavera che notoriamente toglio forze e voglia di fare, oppure tutt'e due.. fatto sta che nelle ultime settimane si fatica a star dietro a tutto. Che dite, meglio prendersi un pò di integratori di vitamine, oppure meglio mollare tutto e andarsene un mese in vacanza ai tropici?
...io un' ideina ce l'avrei... ^^
Comunque, nonostante la voglia di produrre sia poca, vi propongo oggi un'altra creazione di quel genio di Montersino.
Via che si va!

Ingredienti
Per la frolla:
150 g zucchero di canna grezzo
240 g zucchero semolato
150 g nocciole tostate
240 g mandorle con la buccia
400 g farina di riso
380 g burro
30 g tuorlo
Per la chantilly al maraschino:
450 g panna montata
50 g liquore maraschino
300 g crema pasticcera senza glutine
6 g colla di pesce in fogli
Per il croccante morbido:
200 g zucchero semolato
140 g panna
30 g miele di castagno
170 g nocciole in granella
50 g granellona (nocciole in granella tritate più grosse)
Per il miglio caramellato:
150 g zucchero semolato
50 g acqua
80 g miglio soffiato - o se come me non lo trovate riso soffiato-
Per la finitura:
80 g amarene


Preparazione:
Partiamo con il miglio caramellato: portare a 119° C lo zucchero e l'acqua, unite il miglio scaldato nel forno ( io l'ho tenuto a 150° per il tempo necessario ad arrivare a 119 con lo sciroppo ) e continuando a mescolare caramellarlo; poi raffreddate su carta da forno spargendolo, in modo che i chicchi risultino poi sgranati quando servirà..
Nel frattempo fate il croccante morbido: caramellate a secco lo zucchero, unite il miele e poi la panna bollente; completate con la granella di nocciola e fate raffreddare.
Prendete le nocciole e le mandorle per la frolla e riducetele in farina con il mixer.
Vi consiglio di congelarle prima: sembra una cavolata detta così, ma lavorate fredde perdono meno olio, diventando una farina meno 'umida'.
Impastate la frolla: lavorate burro e zucchero, unite i tuorli e in ultimo incorporate la farina di mandorle e quella di riso. Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti, quindi stendetelo dello spessore di 1 cm e coppate 2 dischi del diametro voluto. Mettete i dischi su una teglia foderata di carta forno e infornate a 160° per 30/35 minuti. A me si sono rilassati e allargati in modo disumano: il consiglio quindi è di cuocerli già nell'anello d'acciaio che userete per costruire il dolce. Magari starete di più, però verranno meglio.
Per la chantilly al maraschino unite alla crema pasticcera il maraschino, prelevatene una piccola parte, scaldatela a microonde o se non l'avete in un pentolino ed unitevi la colla di pesce ammorbidita e asciugata. Unite il resto della crema fredda ed infine la panna montata.
Mettete sul fondo di un anello in acciaio un disco di frolla, formate sopra uno strato di crema al maraschino e mettetevi qualche amarena, poi l'altro disco di frolla, uno strato di croccante morbido - fate attenzione a non arrivare troppo ai bordi, così la crema potrà nasconderlo alla vista per un effetto migliore! - finite con uno strato di crema chantilly. Poi, dopo aver lisciato bene a spatola, finite con uno strato di miglio caramellato.
Come sempre, il consiglio è di congelarla per sformarla e metterla sul piatto di portata senza far danni.

Come dolce molto buono, chiaramente abbastanza calorico, però gusti insoliti ed è una ricetta senza glutine, se la crema pasticciera la fate con gli amidi invece della farina.
Provare per credere comunque!
Con queste dosi io ho fatto due torte di circa 18 cm di diametro, e in più la frolla che avanza potete usarla per fare dei Baci di dama come più vi aggrada, mentre se avanza del miglio caramellato potete mescolarlo allo yogurt.

Ciao ragazzi, a presto!!




8 commenti:

mammadeglialieni ha detto...

che bella ragazzi, ma è meravigliosa!!!! una cucchiaiata subito!!!!!!
anche io una ideuzza ce l'avrei per alleviare la fatica.
;-D!!! buon w.e.!

Jul e Mo ha detto...

^^ Se ci avvisi quando arrivi, la seconda è ancora tutta pronta da scongelare :) Ciao e buon w.e. a tutta la tribù!
Un abbraccione!

Luca and Sabrina ha detto...

La primavera più che togliere le forze è fonte di distrazione, si vive molto più fuori che tra le quattro mura e allora si trascura il pc e tutto quello che contiene. Ma questa torta è strepitosa, MOntersino è fonte di ispirazione, su questo non ci piove, ma va detto che sei di una bravura incredibile nel realizzare dolci e questa non ci sembra mica tanto facile da fare! Davvero complimenti, è riuscitissima!
Bacioni da Sabrina&Luca

Jul e Mo ha detto...

Grazie Carissimi! I complimenti da voi mi riempiono d'orgoglio... però più che bravura è testardaggine: ^^ non mollo finchè il dolce non viene come dico io!
Ciao buon fine settimana!!

dario ha detto...

secondo me è la primavera (io non ho proprio voglia di fare na' mazza)
e la vacanza ai tropici, per me, è la soluzione migliore!!!!
favolosa la torta!!!!!
ho tentato, ma inutilmente, di azzannare attraverso il monitor la foto della fetta....sigh!
ciaooooo

nerodiseppiablog ha detto...

Questa torta si presenta veramente benissimo!

Cookin' Sara ha detto...

Ma è un capolavoro!!! ti avevo detto che anche io ho acquistato il tuo libro, ispirata da come ti ha illuminato? e devo dire che è proprio uno spettacolo, anche se nell'ultimo mese, tempo per "mettere le mani in pasta" ne ho avuto davvero poco... =(

Jul e Mo ha detto...

Sì, ce lo avevi detto e ci ha fatto molto piacere! Dai che prima o poi il tempo si trova ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...