mercoledì, febbraio 15

Inutilità.


"Giornali inutili come l’Avvenire e Famiglia Cristiana andrebbero chiusi definitivamente." (scroscio di applausi)

Se ieri sera avete seguito il Festival di Sanremo avete presente queste parole. Ma anche se non l'aveste visto in diretta, questa frase l'avrete sicuramente sentita rimbalzare da telegiornale a talk show. Non sarebbe possibile altrimenti! Quello di Celentano è stato un intervento provocatorio e scomodo per molti; questa sentenza in particolare (perché di sentenza si tratta, non illudiamoci del contrario) ha provocato reazioni immediate. 
Forse sapete già che sia Moreno che io non siamo cristiani; ciononostante in questa discussione mi sento  di esprimermi (e penso di parlare bene a nome di entrambi) contro questa sentenza. Nessun giornale, periodico o qualsivoglia pubblicazione dovrebbe essere soppresso, semplicemente per il fatto che viviamo in una democrazia, e uno dei fondamenti della democrazia è (ripetetelo con me, a volte fa bene ricordarselo) la libertà d'espressione.
Quindi, siete contro quello che ha detto Celentano, penserete voi. 
UN ATTIMO! Ho detto di essere contro questa frase in particolare, non contro ciò che ha detto il cantante (a prescindere che, essendo appunto cantante, non è poi così scontato che ci venga a fare la predica sulla società e su Dio). Dopo la ormai famigerata sentenza, e dopo l'immediato scroscio di applausi e grida di giubilo del pubblico pecorone, Celentano ha però così continuato:

"Si occupano di politica e delle beghe del mondo anziché parlare di Dio e dei suoi progetti. E non hanno la più pallida idea di quanto sia confortante per i malati leggere di ciò che Dio ci ha promesso."

AH! MA ALLORA...! Ma allora, carissimi, come sempre i vari telegiornali e talk show e chi più ne ha più ne metta non perdono l'occasione per fare della polemica gratuita, senza pensare a ciò che il soggetto di tale polemica volesse veramente dire. Così quello che credo fosse il vero messaggio di Celentano passa inosservato, mentre tutti sono impegnati a dire e pensare cattivo Celentano, ma cosa fa lì al Festival a fare da profeta e filosofo quando lui profeta e filosofo non è. 
La "sentenza" iniziale, ammettiamolo, è volutamente e stupidamente provocatoria. Perché stupidamente? Ma perché è ovvio che i media si sarebbero concentrati solo su quella, tralasciando il resto. Hanno isolato una frase tirandola fuori dal contesto e ci hanno ricamato sopra a loro piacere. E questo, ragazzi, mi fa andare in bestia.
Il punto è che secondo me Celentano ha ragione: la Chiesa non deve occuparsi di politica, cioè del mondo terreno, ma della spiritualità, ovvero della salvezza delle anime che lo popolano (le anime dei cristiani che popolano il mondo, beninteso). Questo almeno è il messaggio che deriva dalla visione dell'intervento su Youtube, che sono andata a cercare prima di scrivere questo post, perché, no, non voglio essere un'altra pecorona nella massa dei già troppi Italiani pecoroni che scrivono e parlano di cose che non conoscono. 
Se volete anche voi guardarvi (o RI-guardarvi) l'intervento di Celentano, trovate il video qui (prima parte), qui (seconda parte), qui (terza parte) e qui (quarta parte). 
Per essere totalmente chiara, Celentano non ha parlato solo di questo. Io ho preso in considerazione questa parte solo perché è quella che mi ha fatto riflettere di più. 

E voi avete un'opinione a riguardo? Avete guardato il Festival? 

Giulia

2 commenti:

Bunzigirl ha detto...

Non ho seguito il festival e non avrei mai pagato fior di quattrini x un demente come Celentano.Sono comunque d'accordo sulla frase che giornali come l'Avvenire e Famiglia Cristiana(aggiungerei anche Libero e il Giornale)dovrebbero essere cancellati x sempre

Myrò ha detto...

sanremo? cos'è, una ricetta di qualche vostro dolce? :)))
boh, non lo vedo, non lo sento, e ormai sono poche le notizie cui sto dietro (esclusivamente tramite internet, zero tv) .
Non per snobismo, ma proprio perché ormai certa informazione non la reggo.
Non conosco i 2 giornali menzionati se non per sentito dire, ma di una cosa son sicura: che la Chiesa fa politica, e poco si occupa di quella spiritualità che dovrebbe essere il suo unico campo d'azione. E' piena di finanziarie e gente che maneggia soldi, non proprio quello di cui parlavano i suoi fondatori, se non erro. Bah...
ciaooo :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...